Home Dieta Scrivi alla psicologa Ansia dell’esame di maturità

Ansia dell’esame di maturità

CONDIVIDI

Ho preso 12 kg in due mesi, non riesco a smettere di mangiare… Ho la maturità quest anno e il fatto di dover rimanere intere giornate sui libri mi porta a mangiare così tanto Fino a vomitare.. non riesco più a distinguere quando ho davvero bisogno di mangiare e quando invece mangio solo per noia o per scaricare lo stress. Ho davvero un problema grave. Non posso sicuramente continuare così.. cosa posso fare per riuscire a smettere di mangiare in continuazione?

Cara Francesca,
vorrei avere più informazioni per capire come mai tu abbia iniziato a perdere il controllo coasi repentinamente negli ultimi due mesi. C’è stato un evento scatenante? Una preoccupazione che ha funzionalto da evento attivante? Ok, mi hai parlato degli esami… dipende da ciò?
E’ davvero un incremento di peso importante considerando che si tratta di 1,5 kg a settimana, quindi ne deduco che le calorie assunte in più ogni giorno sono state davvero tantissime… da un momento all’altro.
Comunque, è importante che arresti questa corsa, a partire dal cadenzare precisamente i pasti e gli spuntini, magari facendoti inviare la dieta da melarossa. Dovrai imparare a distinuguere la fame fisiologica, che sopraggiunge dopo 4-5 ore di digiuno con brontolii allo stomaco, dal desiderio di mangiare, che può verificarsi anche poco dopo aver consumato il pasto ed ha un’origine contestuale, nel senso che maari ti viene voglia di mangiare semplicemente per aver visto del cibo disponibile o sentito l’odore. Ecco, mangiare in risposta a questo stimolo naturalmente ti porta ad iperalimentarti.
Se ti accorgi di mangiare per noia o per stress, è bene che trovi una risposta alternastiva al cibo: se ti annoi puoi ad esempio chiamare un’amica, leggere un libro o fare una passeggiata, mentre se ti senti stressata puoi fare un bagno rilassante, sentire della musica new age(o quella che preferisci), regalarti un massaggio in un centro benessere, ma soprattutto scaricare adrenalina mediante attività fisica, anche una camminata di 30 minuti al giorno a passo veloce come fossi in ritardo ad un appuntamento va bene.
L’importante è che impari a separare i tuoi bisogni psicologici dai bisogni fisiologici, col risultato di darti cibo quando senti la fame fisiologica e darti gratificazioni(non alimantari) e “carezze” quando senti di voler colmare un bisogno psicologico… una distinzione fondamentale.
Per aiutarti in questo percorso ti saranno utili gli strumenti descritti all’interno della mia guida gratuita che puoi scaricare a questo link:
http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf

Metti in pratica da subito tutto ciò che trovi all’interno e poi, se ti fa piacere, fammi sapere come va.

Un caro saluto
Floriana Ventura

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteFame a dieta
Articolo successivoBasta un poco di zucchero!
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.