Home Dieta Dimagrire con la dieta I legumi: la guida per sostituirli nella dieta Melarossa

I legumi: la guida per sostituirli nella dieta Melarossa

CONDIVIDI
I legumi: la guida per sostituirli nella dieta Melarossa

La dieta Melarossa prevede un servizio sostituzioni che ti aiuta in quelle situazioni per cui hai necessità di fare dei cambi e che ti permette di rendere l'alimentazione quotidiana il più possibile tarata sui tuoi gusti personali.

Si chiama l'ABC delle sostituzioni dei cibi, una guida pensata per assicurarti varietà, personalizzazione dei menù e tanta autonomia mentre ritrovi la forma desiderata. Nel menù settimanale che ti viene fornito è possibile sostituire i cibi dello stesso gruppo tra di loro: è importante però tenere sempre presente che i cambiamenti non devono essere una regola, ma piuttosto un sostegno per quelle circostanze in cui hai bisogno di fare una variazione.

Una dieta per essere equilibrata deve fornirti tutti i nutrienti di cui il tuo organismo necessita e in questo senso la varietà è fondamentale: cerca quindi di non utilizzare il servizio sostituzioni per mangiare sempre le stesse cose. Inoltre, ti suggeriamo di cercare di attenerti il più possibile alla dieta che ti è stata data, perché seguire da vicino il tuo menù, pur con qualche piccola libertà, ti darà una mano a raggiungere il tuo obiettivo nei tempi previsti.

E ora parliamo dei legumi!

L'ABC delle sostituzioni dei legumi

I legumi possono essere sostituiti tra loro perché sono tutti fonti proteiche vegetali.

Nella tabella qui sotto troverai tutti gli alimenti inclusi nella dieta Melarossa che fanno parte del gruppo dei legumi:

Tabella completa legumi

Clicca qui per stampare la tabella

Come sostituire i legumi tra loro

Ricorda: ok sostituire, ma sempre alternare, perché sostituire non significa mangiare sempre la stessa cosa. 

Questo è un principio importante e fondante della dieta Melarossa: se ami più i piselli dei ceci, non significa che tu debba scegliere sempre quelli. Al contrario, la sostituzione è anche uno strumento per rendere più ampia la tua dieta, nel rispetto della varietà.

E poi è importante non sbilanciare i nutrienti e le calorie previste dalla dieta, quindi cerca sempre di tenerti informato sui principi nutritivi degli alimenti che vuoi scambiare tra loro prima di fare dei cambi.

Qualche piccola regola generale

Tabella regole generali sostituzione gruppo legumi

Clicca qui per stampare la tabella

Fagioli

Questi legumi hanno un buon contenuto di zinco, ferro e calcio e sono ricchissimi di fibre: nessuna altra frutta o verdura ne contiene di più (10 gr% per quelli freschi e 17 gr% per quelli secchi).

Inoltre i fagioli contengono una grande quantità proteine, superiore anche a quella della carne: le proteine dei fagioli però sono di media qualità, poiché non hanno alcuni importanti aminoacidi, come cisteina e metionina.

È ben nota la scarsa digeribilità dei fagioli, dovuta ad alcuni carboidrati come lo stachiosio, il verbascosio e il raffinosio, che non possono essere digeriti e quindi vengono fermentati dalla flore batterica con produzione di gas. Un aiuto in questo senso può darlo la cottura prolungata, che gelatinizza l'amido e distrugge le proteine antinutrienti.

Fai attenzione: i principi nutrizionali e le calorie dei fagioli freschi e di quelli secchi sono molto diversi!

Ceci

Sono un'ottima fonte di fibre, vitamine A, C e saponine (sostanze che aiutano a ridurre i livelli ematici di trigliceridi e colesterolo). Grazie al buon contenuto di acidi grassi polinsaturi, al discreto indice chimico delle loro proteine e alle loro molteplici proprietà nutrizionali e terapeutiche, sono tra i legumi da preferire.

Anche perché sono più ricchi di lipidi rispetto agli altri e risultano quindi più equilibrati nella ripartizione dei macronutrienti, nonostante siano leggermente più ricchi di calorie.

Lenticchie

Questi antichi legumi forniscono un elevato contenuto proteico oltre ad essere ricchi di sostanze nutritive, di un'alta percentuale di carboidrati e di minerali quali ferro, magnesio, fosforo, zinco, selenio e calcio. Ricchi di vitamine del gruppo B, A e C sono anche un concentrato di fibre, importanti per limitare l'assorbimento di grassi e zuccheri e per garantire la regolarità intestinale.

Inoltre, questi legumi sono preziosi antiossidanti e potenti antidepressivi e se li mangi con la pasta migliori anche la qualità delle loro proteine; se invece li abbini alla carne ne migliori la biodisponibilità di ferro.

Anche per le lenticchie è preferibile una cottura prolungata, in modo da migliorarne la digeribilità.

Piselli

Grazie alla ricchezza di acqua, di vitamine (B1 e C), di carboidrati e di fibre, i piselli sono ottimi contro la stitichezza e la pigrizia intestinale, oltre ad essere diuretici e disintossicanti. L'assunzione dei piselli ti aiuta a controllare il colesterolo cattivo e a prevenire così le malattie cardiovascolari.

Il modo migliore di gustarli è quando sono freschi, perché mantengono una tenerezza e un sapore decisamente migliore rispetto al prodotto surgelato.

Come tutti i legumi, i piselli possono far aumentare la presenza di gas nell'intestino, quindi fai attenzione se soffri di colite.  In questo caso è opportuno mangiarli passati o decorticati.

Fave

Le fave si trovano solo per un breve periodo dell'anno, nei mesi primaverili di aprile e maggio, quindi quando le vedi sui banconi di supermercati e fruttivendoli cerca di approfittarne, perché questi legumi apportano benefici molto importanti per la tua salute.

Infatti, se consumate crude, le fave apportano all'organismo una buona quantità di vitamina C, proteine, fibre, vitamina A, del gruppo B, C, E, K, PP e sali minerali. Inoltre, hanno un'azione di drenaggio dell'apparato urinario e favoriscono il benessere dell'intestino.

Le fave sono un alimento ottimo per chi è a dieta, visto il contenuto ridotto di calorie: 42 cal per 100 gr.

Soia

La soia è ricca di sali minerali, ferro, magnesio, fosforo, potassio e di vitamine A, B2, D, E, oltre ad avere un alto contenuto di proteine  (il 36%), di glucidi (il 30%) e di lipidi (il 18%),

Questo legume è ricco di isoflavoni (200mg per 100 gr di prodotto), delle sostanze che, agendo come gli estrogeni, si rivelano utili nella prevenzione del cancro al seno, all'utero, alla prostata e al colon. Infatti, come un potente antiossidante, l'isoflavone inibisce la crescita delle cellule cancerogene.

Sempre grazie agli isoflavoni, la soia può anche contribuire ad alleviare i sintomi della menopausa, in particolare le vampate di calore. Invece, per contenuto di fosfolipidi insaturi, la soia è in grado anche di determinare un abbassamento del colesterolo totale e del colesterolo LDL (quello "cattivo").

Le proporzioni dei legumi

Tabella delle proporzioni delle sostituzioni del gruppo legumi

Stampa la tabella per avere sempre sott'occhio le proporzioni!

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLaura, -18 kg con Melarossa: "Una dieta diversa rispetto alle altre"
Articolo successivoRidere fa bene alla salute: 14 buoni motivi per sbellicarsi dal ridere
Ho cominciato la mia vita professionale come giornalista e sono iscritta all’Ordine dal 1995 come Pubblicista. Dopo diversi anni di esperienza nel settore della comunicazione (sia nell’organizzazione di eventi, sia come ufficio stampa), ho ripreso da qualche anno l'attività di giornalista e lavoro nella redazione di Melarossa, curando in particolare articoli su dieta, nutrizione e psicologia. Vista la mia innata curiosità verso gli esseri umani e le loro possibilità di sviluppo e miglioramento, ho scelto di diventare Life Coach Umanista e lavoro con persone che vogliono allenarsi a raggiungere obiettivi in linea con la loro natura.