Home Dieta Dimagrire con la dieta La dieta di mantenimento per non riprendere peso dopo la dieta

La dieta di mantenimento per non riprendere peso dopo la dieta

CONDIVIDI
come non riprendere peso dopo la dieta

Grazie alla dieta sei riuscita a perdere peso ma ora hai paura di ingrassare di nuovo? Eccoti i consigli per una dieta di mantenimento di successo. Con l'aiuto della dottoressa Stefania Giambartolomei, nutrizionista della SISA (Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione) e di Alessandra Parretta, redattrice di Melarossa esperta di nutrizione, cerchiamo di capire in cosa consiste la fase di mantenimento. Come va affrontata, in cosa è diversa dalla normale dieta dimagrante e quali regole alimentari vanno adottate una volta terminata questa fase.

Cosa differenzia la dieta di mantenimento dalla normale dieta per perdere peso?
Stefania: La dieta di mantenimento ha un apporto calorico più alto rispetto alla dieta che si prescrive per perdere peso.

Se avevo una dieta da 1100, quante calorie avrò per la dieta di mantenimento?
Alessandra: Dipende da più fattori ma, in linea di massima, nel caso della dieta Melarossa, si può dire che il programma di mantenimento sarà intorno alle 1500-1700 calorie. L'utente lo riceverà una volta comunicato di aver raggiunto l'obiettivo di peso prefissato attraverso la Verifica peso.

Quanto dura la dieta di mantenimento?
Alessandra: Melarossa offre i menù di mantenimento per un tempo illimitato, tuttavia dopo otto settimane l'organismo si è abituato al graduale aumento delle calorie. A questo punto l'utente è ormai in grado di gestire la propria alimentazione in modo bilanciato, sano e vario.

Considerando che la dieta di mantenimento prevede l'assunzione di un maggior numero di calorie rispetto alla dieta per dimagrire, questo non comporta il rischio di mettere su qualche chilo?
Stefania: Questo problema non sussiste, perché il numero di calorie da aggiungere è calcolato in base al peso perso e in base al tempo impiegato per perdere il peso. Perciò come la dieta dimagrante, anche quella di mantenimento è "cucita" addosso all'utente.

E se durante la dieta di mantenimento si riprende qualche chilo, come ci si deve comportare?
Alessandra: E' buona norma, una volta terminata la dieta, pesarsi un paio di volte al mese e, se si nota di aver ripreso uno/due chili, riprendere la dieta ipocalorica. Nel caso di Melarossa, è possibile fare riferimento ai vecchi schemi a disposizione, oppure ricevere di nuovo la dieta dimagrante aggiornando i dati nella pagina Mymelarossa.

È possibile continuare a dimagrire durante il mantenimento?
Alessandra: Anche questo dipende da più fattori ma, in via generale, la dieta di mantenimento non dovrebbe far variare il peso.

Cosa raccomanda solitamente ad una persona che sta per iniziare la dieta di mantenimento?
Stefania: Di avere sempre sotto mano la dieta e di non perdere mai di vista l'obiettivo, perché il fine della dieta di mantenimento è acquisire un'educazione alimentare.

Una volta terminata la dieta di mantenimento, quale regime alimentare è bene adottare per proteggere il nostro peso forma?
Stefania: Dobbiamo pensare al mantenimento non più come ad un regime dietetico ristretto ma come a un'educazione alimentare. In questo modo l'utente accetterà di buon grado il fatto che il mantenimento si mantiene sempre.

Alessandra: È importante continuare con la sana alimentazione. Sgarrare una volta ogni tanto non è grave se in linea di massima si mangia seguendo lo schema della dieta mediterranea a piramide alimentare a cui la dieta di Melarossa si ispira e che, speriamo, gli utenti del nostro sito abbiano imparato bene!

 

Commenti