Home Dieta Dimagrire con la dieta Cena fuori: le 15 regole per non sgarrare a dieta

Cena fuori: le 15 regole per non sgarrare a dieta

CONDIVIDI
non sgarrare a dieta

Stai per andare fuori a cena e ti chiedi come sia possibile riuscire a non sgarrare a dieta?. Mangerai più del dovuto? Ti abbufferai di stuzzichini? Riuscirai a trattenerti davanti al dolce? Queste le paure che rischiano di trasformare un’occasione di svago in compagnia in un momento di stress e preoccupazione. In realtà si può non sgarrare a dieta anche andando a cena fuori. Ti bastano un po’ di attenzione, esercizio e autocontrollo per alzarti da tavola soddisfatta ma non appesantita, e senza sensi di colpa!
Ecco le 15 regole d’oro per non sgarrare a dieta e goderti la tua serata al ristorante!

Pianifica il tuo pasto

  • Scegli un ristorante che propone cibi sani. Vai sul sicuro con uno che già conosci oppure, se decidi di sperimentarne uno nuovo, controlla prima il menù sul suo sito web oppure telefona e chiedi quali sono le sue specialità. Se non ti convince, cambia strada!
  • Cerca di non arrivare al ristorante affamata. É difficile trattenerti se hai un appetito da grizzlie!
  • Fatti uno schema mentale di quello che vuoi ordinare. Se hai già le idee chiare, sarà più facile non farti tentare da quel meraviglioso antipasto misto a 7 portate che campeggia sulla prima pagina del menù!

Controlla le porzioni

  • A casa, esercitati a misurare volume e dimensioni di una porzione “giusta” per te. Una volta al ristorante, riuscirai a capire meglio se il piatto che ti hanno portato è alla tua portata o rischia di compromettere una settimana intera di dieta!
  • Sii consapevole che la maggior parte delle persone finisce per mangiare tutto quello che trova nel piatto. Quindi ordina una mezza porzione per evitare di cadere in tentazione.
  • Mangia lentamente. Appoggia la forchetta nel piatto o bevi un sorso d’acqua tra un boccone e l’altro. E non dimenticare di trovare il tempo per chiacchierare: mangerai di meno!
  • Se sei a cena con tutta la famiglia e vuoi ordinare un menù unico, chiedi almeno un paio di porzioni in meno rispetto al numero dei commensali. Non far mai mancare piatti a base di verdure e usali per riempirti metà del piatto, in modo da non avere la tentazione di abbuffarti di altro!
  • Se la cena è a buffet, adotta la tecnica del piatto da picnic: riempilo per metà di frutta e verdura, per ¼ di alimenti proteici leggeri e per l’ultimo quarto di carboidrati. Passa in rassegna con lo sguardo il tavolo con le pietanze, individua quella che più ti tenta, conceditene una porzione piccola e goditela per gratificarti! E ovviamente, fai un solo giro al buffet

Personalizza il tuo menù

  • Non essere timida: se non sei sicura di come è cucinato un piatto o di quali sono gli ingredienti che lo compongono, chiedi informazioni! Meglio fare una domanda in più che vederti portare in tavola uno spezzatino che galleggia nell’olio!
  • Se la tua carne arriva condita con una salsa che promette di far ingrassare al solo sguardo, non avere timore di chiederne un altro piatto, senza salse oppure con una salsa più leggera o a base di verdure.
  • Chiedi senza imbarazzo che i cibi saltati in padella siano preparati con poco olio.

Occhio ai campanelli d’allarme!

  • Stai lontano da piatti con molti ingredienti: spesso alla ricchezza dei nomi si accompagnano anche abbondanti calorie.
  • Scarta anche i piatti che, già dal nome, fanno pensare a un elevato contenuto di grassi: parole come fritto, croccante, cremoso, spalmabile, imburrato, in casseruola non vanno proprio d’accordo con la tua dieta!
  • Occhio anche a queste parole, che spesso sono indice di un alto contenuto di sale: affumicato, sott’aceto, in brodo, marinato.
  • Ecco invece le “parole buone”, che indicano cibi sani: al naturale, fresco di stagione, grigliato, in camicia, al vapore.

 

Commenti