Home Bellezza Trucco e capelli La scadenza dei prodotti cosmetici

La scadenza dei prodotti cosmetici

CONDIVIDI

Creme, profumi, rossetti, ombretti, mascara, quanti ne hai in giro per casa? Spesso ti capita di ritrovare un gloss semi-consumato dimenticato nella borsa ma è dell'anno prima, oppure salta fuori dalla tasca un burro di cacao di un qualche vecchia primavera.

Ma come decidere se il prodotto è ancora buono o è scaduto?
Per i cosmetici con durata inferiore ai 30 mesi, la data di scadenza è riportata in etichetta per legge, e viene indicato il mese e l'anno di scadenza, esattamente come accade per il cibo, dopo la dicitura “Da consumare preferibilmente entro...”.

Se la durata minima è superiore ai 30 mesi, l'obbligo di data in etichetta cade ed entra in gioco il PaO (period after opening), un sistema semplice ed intuitivo. Il simbolo del PaO ha la forma di un piccolo vasetto aperto e sopra viene indicata la durata del prodotto in numero di mesi dopo l'apertura (es: 12M). I cosmetici infatti si presume rimangano inalterati fin quando il contatto con agenti esterni non influisca a modificarne o deteriorarne il contenuto. Il simbolo deve essere indicato sia sul confezionamento esterno, che sul contenitore vero e proprio del prodotto.

E se la scadenza non fosse indicata?

La legge impone che la data di scadenza o il PoA siano sempre indicati, ma in realtà ci sono delle eccezioni da ricordare:
i prodotti monodose (es. campioni gratuiti);
i prodotti confezionati in modo tale da evitare il contatto tra il cosmetico e l'ambiente circostante (es. aerosol);
i prodotti per i quali il produttore certifichi che la formula è tale da impedire qualsiasi rischio di deterioramento che influisca negativamente sulla sicurezza del prodotto stesso nel corso del tempo.

Come conservare e controllare i cosmetici

Anche se è vero che ormai le indicazioni su ogni prodotto sono molto precise, alle volte c'è bisogno di qualche accorgimento in più, specialmente per evitare di accorciare ulteriormente la vita dei nostri piccoli amici indifesi.
Ricorda di conservare i tuoi cosmetici lontano da luci o fonti di calore. Apri le confezioni solo un attimo prima dell'utilizzo e richiudile subito, per ridurre al minimo il tempo di apertura.

Segnati la data d'apertura, potrebbe sembrare leggermente maniacale per chi ti osserva, ma visto che può essere utile per salvare denaro e salute, prendi un block notes e segna tutto!

Di tanto in tanto ti basterà fare un controllo generale agenda alla mano e avrai risolto ogni dubbio!

Inizia a controllare la data di scadenza del prodotto al momento dell'acquisto, riuscirai così a valutare meglio il rapporto qualità/prezzo in base soprattutto al reale utilizzo che ne farai.
Preferisci i prodotti nel tubetto piuttosto che in vasetto o altro tipo di confezione che metta il prodotto a contatto con l'aria, sono più igienici.

Lava sempre le mani prima di ogni utilizzo e tieni sempre ben puliti gli strumenti usati per il make up Anche un pennellino per ombretto può diventare un ricettacolo di polvere e batteri.

Tempera sempre le tue matite e tieni sempre pulito il temperino, ti aiuterà a prevenire l'irritazione degli occhi. Anche eye-liner e mascara avranno vita più lunga se eviterai di agitare la spazzolina con i movimenti dall'alto verso il basso nel tentativo di raccogliere maggior prodotto.

Infine affidati ai tuoi sensi, il check definitivo va fatto col tris tatto-olfatto-vista!

Tatto: se la consistenza del prodotto è cambiata vuol dire che il prodotto è scaduto.

Olfatto: odora sempre i tuoi cosmetici, solitamente sono profumati o almeno inodori, quindi se senti un olezzo provenire dal beauty case, inizia a preoccuparti.

Vista: il colore è fondamentale, se cambia, vuol dire che qualcosa nel tuo cosmetico non va!

Tiziana Landi

Commenti