Home Bellezza Fai da te Ceretta, rasoio o crema per depilarsi?

Ceretta, rasoio o crema per depilarsi?

CONDIVIDI
Depilazione: ceretta o rasoio?

Con l’arrivo delle belle giornate le calze coprenti iniziano a rimanere nell’armadio, i pantaloni lunghi lasciano il posto agli shorts e la voglia di mare comincia a farsi sentire. In vista della prossima scampagnata sotto il sole non resta che un unico piccolo, noioso, particolare da eliminare: i peli superflui.

Sarebbe bello essere sempre pronta ad ogni evenienza, ma la maggior parte delle donne italiane deve ricorrere alla depilazione per evitare l’effetto orso ed avere sempre una pelle liscia e bella, e allora non resta che chiedersi: quale tipo di depilazione scegliere?

Prima di scegliere, fai un trattamento pre-depilazione

Prima della depilazione fai un bagno caldo e utilizza una crema pre-depilatoria, che grazie alle proprietà emollienti prepara la pelle alla depilazione.

Prendi l’abitudine di esfoliare la pelle, con scrub o guanti di crine appositi: faciliterà la depilazione portando in superficie anche i peli che potrebbero rimanere sotto pelle e aiutandoti a prevenire i peli incarniti.

Una volta preparate le tue gambe, valuta le differenze tra le varie tipologie di depilazione, per scoprire i pro e i contro di ognuna e scegliere quella migliore per te!

Rasoio

Sceglilo solo se sei alle strette con i tempi o non puoi utilizzare creme e cere depilatorie. Solitamente viene preferito per le ascelle e la zona bikini, spesso troppo sensibili per essere sottoposte al trauma dello strappo della cera. I tempi di ricrescita dei peli sono molto rapidi, perché il pelo viene tagliato ed il bulbo pilifero resta intatto.

Utilizza sempre un rasoio ben pulito; tienilo sempre al riparo dalla polvere e sciacqualo con acqua calda prima e dopo ogni utilizzo. Non utilizzare mai il rasoio del tuo compagno solo per pigrizia o velocità: quelli maschili non sono studiati per la delicatezza delle zone più spesso trattate dal rasoio.

Come si usa:

Prepara la zona da trattare lavandola con acqua calda, stendi uno strato di schiuma depilatoria o, almeno, uno strato di bagnoschiuma, senza superare mai il mezzo centimetro di spessore. Tieni la pelle tesa il più possibile e passa il rasoio in direzione opposta a quella di crescita dei peli. Andando contropelo infatti, la rasatura sarà più facile poiché il pelo viene sollevato e poi tagliato, quindi si riesce ad andare più a fondo con la lama.

Creme e saponi depilatori

Se scegli la crema depilatoria il passaggio base è fondamentale, ossia la prova del prodotto su una piccola parte della zona da trattare almeno 24 ore prima della depilazione. Questa accortezza servirà ad assicurarti di non avere brutte sorprese a causa di reazioni allergiche alla crema.

Il componente principale di questo tipo di prodotti è l’acido tioglicolico, un elemento che oltre a indebolire la cheratina presente nei peli, può creare gravi irritazioni anche alla pelle. Per questo ti consigliamo di procedere alla stesura del prodotto con dei guanti, serviranno a proteggere mani ed unghie.

Come si usa:

Le modalità di utilizzo variano da crema a crema. Quasi tutte sono solitamente vendute con una spatolina per l’applicazione e, rispettando i tempi di posa, avrai una depilazione indolore, la cui durata sarà comunque di pochi giorni. Utilizza la stessa spatolina per rimuovere il prodotto e poi risciacqua bene la zona trattata per eliminare eventuali residui.

Ceretta

L’amica fidata di ogni donna che, al costo di un po’ di dolore, riesce a eliminare i peli superflui per una durata che varia dalle due settimane al mese e che puoi anche fare da sola.

Per il fai da te partiamo dalla differenza fondamentale: cera a caldo o a freddo?

  • La cera a caldo è più funzionale. Il calore dilata i follicoli piliferi e aiuta nella depilazione, ma è controindicata se soffri di capillari fragili e di vene varicose.
  • La cera a freddo è più semplice da utilizzare e ha meno controindicazioni.

Come si usa:

Stendi il prodotto seguendo il senso di crescita dei peli, ad esempio per le gambe dall’alto verso il basso. Adagia le strisce sopra la cera ancora calda e assicurati che abbiano aderito bene, stendendole con le mani. Tieni la pelle tesa con la mano libera e tira via le strisce con uno strappo deciso contropelo. Ripeti l’operazione su tutta la zona da trattare.

Molto comune è anche l’utilizzo delle strisce depilatorie, il cui utilizzo è più semplice e veloce, anche se a volte meno preciso. Sono attaccate a coppie, vanno sfregate fra le mani per riscaldarle, poi vanno separate ed utilizzate come una qualsiasi cera depilatoria.
Se dopo la depilazione la pelle apparirà arrossata e con effetto “pois” non preoccuparti: è una normale reazione che solitamente passa entro le 24 ore.

Epilatore elettrico

Hai comprato una di queste macchinette sperando nel miracolo? La realtà è che l’epilatore elettrico funziona in modo simile al rasoio, anche se strappa il pelo invece che tagliarlo. La durata della depilazione, rispetto a quella con rasoio o creme, è maggiore.

Il lato negativo? La facilità di comparsa di peli sotto pelle: è per questo che è sconsigliato per le parti intime, i peli potrebbero incarnirsi ed infettarsi.

Come si usa:

Usalo come useresti un normale rasoio, stando però ben attenta a non utilizzarlo sotto l’acqua, se il prodotto non è studiato per questo.

Luce pulsata

Avresti mai pensato che per perdere peli bastasse un po’ di luce? Ebbene, la depilazione definitiva a luce pulsata è una novità che si sta facendo strada. Già usata nella cura di vari problemi dermatologici, la luce pulsata è un fascio di luce che, se puntato sul bulbo pilifero, aiuta l’eliminazione del pelo. Particolarmente indicato per chi ha peli neri e pelle bianca, perché in quel caso l’effetto sarà massimo!

Attualmente sono in commercio anche dei prodotti per una luce pulsata fai-da-te, ma visto che la procedura non è priva di rischi il consiglio è quello di affidarti a mani esperte.

Come si usa:

Per chi si vuole avventurare alla scoperta di questa tecnica gli accorgimenti sono i seguenti:

  • Copri sempre i nei, esistono matite dermografiche apposite;
  • Proteggi la pelle dal sole nel periodo precedente all’epilazione e in quello successivo;
  • Evita zone con cicatrici o dove la cute è lesa;
  • Attenzione al fai-da-te, se la pelle non riesce a dissipare il calore, corri il rischio di incorrere in scottature!

Trattamento post depilazione

Una volta finita la depilazione, risciacqua le zone trattate, utilizzando un sapone a ph neutro: aiuta ad evitare irritazioni. Per idratare la pelle usa un prodotto lenitivo apposito, mai creme scelte a caso perché gli ingredienti potrebbero irritare la zona trattata.

Per quel che riguarda la ceretta il discorso è un po’ diverso, perché solitamente è meglio trattare la zona con del semplice olio, aiuterà a togliere i residui e calmerà il dolore. Infine, aspetta sempre almeno 24 ore prima di utilizzare creme, deodoranti o spray profumati.

E adesso… di corsa a scoprire le gambe!

Scopri i prodotti da usare!

Depilazione: quale tipo scegliere?

Commenti
CONDIVIDI
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.