Home Bellezza Cura del corpo Le lampade abbronzanti fanno male?

Le lampade abbronzanti fanno male?

CONDIVIDI
lampade abbronzanti fanno male?

Le persone che ricorrono alle lampade solari per rimediare a colorito spento e occhiaie tipici di un viso da ufficio sono molte, ma su questi macchinari si scatenano spesso polemiche che ne mettono in dubbio la sicurezza.

Recenti studi hanno dimostrato che l'abbronzatura "a tutti i costi" potrebbe avere delle conseguenze pericolose per la salute. Sembrerebbe esistere una correlazione tra l'esposizione al "sole artificiale" e l'insorgenza del melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo. E il rischio diventa più alto se si comincia da giovani.

Oltre al melanoma, poi, un'esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti potrebbe esporre al rischio di sviluppare altri due tipi di tumore: il carcinoma basocellulare e quello spinocellulare, più diffusi, ma meno aggressivi. E non cantino vittoria le persone brune e scure di carnagione, perché i raggi ultravioletti danneggiano qualsiasi tipo di pelle.

Per tutti vale una sola regola: non esagerare e proteggersi sempre! Da qualche anno, poi, le lampade solari sono state vietate alle donne in gravidanza (attraverso un decreto del Ministero della Salute del 2011): durante la gravidanza, infatti, a causa dei cambiamenti ormonali, la pelle diventa più delicata e si potrebbe scottare più facilmente. Le lampade abbronzanti, infine, sono vietate anche ai minori e alle persone che hanno sofferto di particolari patologie.

Qualora non riuscissi proprio a rinunciare alla tintarella "invernale", ecco tutte le precauzioni da prendere:

  • usa sempre una crema solare protettiva adeguata al tuo fototipo (chi ha lentiggini e capelli rossi di solito è molto sensibile ai raggi del sole e, quindi, dovrebbe proprio evitare le lampade);
  • indossa gli occhialini di protezione, perché i raggi ultravioletti sono pericolosi per il cristallino, che può diventare opaco, e per la retina, che può perdere elasticità (per chi utilizza le lenti a contatto, è consigliabile toglierle prima del trattamento);
  • detergi bene la pelle, perché il trucco può contenere sostanze che possono reagire ai raggi aumentandone i potenziali danni;
  • evita di sottoporti a sedute troppo ravvicinate (qualcuno ne sconsiglia più di 10 all'anno);
  • evita l'assunzione di alcuni farmaci: ci sono antibiotici e antinfiammatori che sono foto sensibili.

Claudia Manari

Commenti